La questione dello sciopero dei benzinai sta assumendo dei contorni grotteschi ed al limite della razionalità. Nelle ultime ore lo sciopero è stato confermato nonostante le aperture del Governo, che ha ridotto le sanzioni previste per i gestori che non mostreranno il prezzo medio regionale del prezioso liquido.

I gestorì però chiedono di evitare questa indicazione, visto che indurrà in sicura confusione gli automobilisti: il prezzo medio sarà certamente inferiore al prezzo erogato, e per questo potrebbe indurre in errore anche i più attenti. La loro proposta è di inserire un link all’Osservaprezzi Carburante senza esporre ulteriori prezzi.

In questo casino, è tutta da ridere (per non piangere) la nota diffusa da Assoutenti, che invita i cittadini ad un controsciopero contro i gestori degli impianti di benzina. Ecco i brillanti “piani” elaborati dall’associazione: non fare benzina per qualche giorno, preferire il self-service e pagare con la carta anziché con i contati.

Perché dare spazio ad una pagliacciata del genere? Perché dare risalto a dei commenti talmente bassi, idioti, ridicoli, quasi volgari… che controscioperò sarebbe questo? Questa semmai è la quotidianità di migliaia di italiani che ogni giorno si comportano esattamente così, non è certo una ripicca o altro.

Ma ad Assoutenti forse non lo sanno, e foraggiano una intestina lotta di classe (mettendo contro consumatori e gestori) al fine di trarne chissà che cosa appoggiando le posizioni del governo. Atteggiamento subdolo che conosciamo bene, essendo alla base di tante “associazioni” del genere.

Vale la pena ribadire che i gestori, in questo caso, hanno ragione. Il prezzo è aumentato solo perché il governo ha rimosso il taglio delle accise. Ed ora cerca di scaricare le sue responsabilità su chi lavora. Come sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.