Da settimane mi sto scervellando per poter utilizzare uno sportpass della Decathlon, per prenotare un’esperienza sportiva gratuita in un centro convenzionato. Eppure, se ad inizio anno in tutta la Provincia di Crotone vi erano 4 offerte, ecco che oggi sono solo 2.

Il divario con le altre provincie calabresi è enorme. Volendo limitarmi alle vicine, mi basta spostarmi nel cosentino per poter scegliere tra 148 attività o nel catanzarese, con 62 esperienze. Con qualche ora di macchina posso fare letteralmente di tutto: arrampicate, canottaggio, trekking, rafting, ma anche lezioni individuali di arti marziali, training o altro.

Indubbiamente, è un riflesso diretto della presenza di Decathlon in quei territori: dove è possibile trovare negozi fisici e dunque gente che ci compra, vi sono anche attività sportive collegate ben liete di “sponsorizzarsi” con questi programmi fedeltà.

Eppure, pensate a quanto potrebbe giovare all’intera provincia crotonese questo tipo di programma. Quante attività sportive potrebbero ricevere turisti dalle altre province, tanto nel marchesato quanto nella presila. Le attività non mancano, ma si è costretti a scegliere tra sole due cose, da fare a mare, peraltro da ottobre in poi.

Non mi resta che armarmi di pazienza e sfruttare il buono nelle vicinanze. Spero di riuscirci, prima di ulteriori restrizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.