• Un vizio ingestibile

    Oggi pomeriggio ho incontrato una persona un po’ come me, amante del collezionismo compulsivo, con oltre quarant’anni di ricerca alle spalle. Una persona con il doppio della mia età, e sopratutto con un magazzino pieno di roba. Mi sorprendo ogni volta nel trovare certe persone, a Crotone. Perfetti sconosciuti, volutamente nascosti nella penombra, lontani dai…


  • Un’altra Roma

    Ieri mi è capitato di fare un salto a Roma dopo tanti anni. Ma davvero tanti, non ricordo più neppure l’ultima volta che c’ero stato. Probabilmente nel 2014 (mi pare), e dunque 10 anni fa. Un abisso. Prima di partire, come mio solito, mi sono studiato la zona e la mappa per gli spostamenti. Tutto…


  • Ma quale socialissimo

    È durato poco meno di un mese il mio ritorno di fiamma sui social network. Tra ieri ed oggi ho cancellato ogni account creato ad esclusione di quello Facebook, che di fatto mi serve per gestire una pagina. Il resto, nel cestino. Di nuovo. Già perché era un film già visto, in fondo. Dopo aver…


  • Pagarsi il titolo

    Entro la fine del mese va versata la quota annuale per l’iscrizione all’albo dei giornalisti. Come ogni anno, parliamo di 110€ per rimanere iscritti ad un ordine professionale il cui futuro è quanto mai dubbio, sopratutto per le diverse riforme che timidamente avanzano (come la richiesta di un titolo di studio minimo come la laurea).…


  • Non abbastanza povero

    Un pensiero a caldo, dopo che – poco fa – ho ricevuto la notifica di recupero dati da parte dell’Inps, che ha acquisito la DSU da verificare ora per l’ISEE. Si tratta del primo appuntamento “contabile” dell’anno, processo estremamente semplificato dalle modalità precompilate. Ebbene, come saprete la nuova “soglia” di poverà stabilita dal Governo è…


  • L’anno che verrà

    Concludiamo questo particolare e movimentato 2023 con la consueta riflessione di fine anno, quella della quale non-frega-nulla-a-nessuno ma che, inevitabilmente, si ripresenta a bussarci in testa al calar dell’ultimo sole dell’anno. Anno iniziato che andavo a lavorare di notte, con la sveglia alle 4 del mattino. Lo concludo con un tesserino da giornalista (che ancora…


  • Ansia da planner

    Mancano pochi giorni alla fine dell’anno, e di conseguenza alla lenta conclusione di pagine e pagine tra agende e planner. Questa mattina, nel fare un po’ di mente locale al fine di organizzare la prossima settimana (che vuoi o non vuoi c’è da lavorare), mi sono reso conto di non avere più a disposizione i…